15 curiosità sulla Sagrada Familia

Antoni Gaudí è l’architetto di fama mondiale dietro la creazione della Sagrada Familia, uno dei suoi capolavori più straordinari situato a Barcellona. La sua firma artistica è evidente in diversi edifici iconici della città, ma la Sagrada Familia è un’opera unica con un background straordinario. Per apprezzare appieno questo luogo sacro, è consigliabile familiarizzarsi con i seguenti dettagli.

La costruzione è durata più di un secolo

La costruzione della Sagrada Familia iniziò nel 1882, ma con la morte di Gaudí nel 1926, solo circa un quarto della basilica fu terminato. Nonostante Gaudí abbia dedicato gli ultimi anni della sua vita a questo progetto, era già evidente che non sarebbe stato completato durante la sua permanenza sulla terra. Attualmente, si ritiene comunemente che la costruzione si trovi nella sua fase conclusiva e che la Sagrada Familia sia probabile essere completata entro il 2026.

Gli edifici unici richiedono molto tempo

Centocinquant’anni rappresentano senza dubbio un arco temporale considerevole per un singolo edificio. Una volta completata, la Sagrada Familia avrà richiesto un periodo di costruzione superiore a quello delle piramidi egiziane. Tuttavia, saranno comunque approssimativamente cinquant’anni in meno rispetto al lungo processo impiegato per erigere la Grande Muraglia cinese. Una prospettiva affascinante, non trovate?

La costruzione della scuola

All’inizio della costruzione della Sagrada Familia, Gaudí fece costruire una scuola, l’edificio scolastico della Sagrada Familia. La scuola fu costruita per i figli dei costruttori, che lavoravano giorno e notte per costruire uno degli edifici più magici del mondo. La scuola fu costruita nel 1909 e oggi è la sede della mostra sulla Sagrada Familia.

Un progetto edilizio senza uso di computer

Quando la costruzione iniziò nel 1882, ovviamente non esistevano computer o animazioni digitali che Gaudí e il suo team avrebbero potuto utilizzare. Con l’introduzione degli strumenti digitali nel XX secolo, la costruzione ha potuto progredire enormemente.

Patrimonio mondiale dell’UNESCO

Sebbene l’edificio fosse ben lungi dall’essere completato, nel 1984 è stato inserito nella Lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità. La Sagrada Familia deve questo titolo soprattutto all’architettura unica e al design artistico e innovativo di Gaudí. La Sagrada Familia è uno dei sette edifici di Gaudí che sono stati inseriti nella lista dell’UNESCO.

La Sagrada Familia non è una cattedrale

All’inizio della costruzione era prevista una chiesa cattolica romana piuttosto semplice. In seguito, la Sagrada Familia fu progettata come cattedrale. Tuttavia, è stata consacrata solo nel 2010 da Papa Benedetto XVI, che ha elevato la Sagrada Familia al rango di basilica. Non poteva più diventare una cattedrale perché ce n’è solo una in ogni diocesi (la sede del vescovo) e c’è già una cattedrale nel quartiere gotico di Barcellona.

Il titolo di “Basilica” è un titolo onorifico conferito dalla Chiesa cattolica, più precisamente dal Papa, e viene assegnato solo a chiese particolarmente venerabili e significative.

Il significato delle 18 torri

Quando la Sagrada Familia sarà terminata, avrà 18 torri. Dodici di esse rappresentano i dodici apostoli, quattro i Vangeli, una la Vergine Maria e la torre più alta Gesù Cristo.

Gaudí e la sua ultima dimora

La tomba di Antoni Gaudí si trova nella cripta sotto la Sagrada Familia. Gaudí morì poche settimane prima del suo 74° compleanno in seguito a un incidente con un tram a Barcellona. La tomba di Gaudí è aperta ai visitatori. La tomba è circondata da 4 cappelle, ognuna dedicata a un santo diverso. La tomba di Gaudí si trova nella cappella della Vergine El Carmen.

Il tentativo di profanazione della tomba durante la guerra civile spagnola

Nel 1936, in piena guerra civile spagnola, un gruppo di anarchici si introdusse nella Sagrada Familia e diede fuoco alla cripta. Anche se importanti materiali da costruzione andarono perduti, alcuni si salvarono. Durante questo periodo storico, la costruzione procedette lentamente per ovvie ragioni.

Le discussioni sulle facciate

La Sagrada Familia avrà tre facciate quando sarà completata:

  • la facciata della Natività;
  • la facciata della Passione;
  • la facciata della Gloria, conosciuta anche come la Facciata della Gloria.

La facciata della Natività fu completata durante la vita di Gaudí. Raffigura la nascita di Gesù. La facciata della Passione e quella della Gloria furono costruite molto più tardi e non sono ancora state completate. Il pittore e scultore Josep Maria Subirachs fu responsabile della progettazione della facciata della Passione. La facciata raffigura la Passione di Cristo. Le opere di Subirachs sono state oggetto di un grande dibattito: per molti erano troppo astratte e si discostavano troppo dallo stile e dalla visione di Gaudí.

La Sagrada Familia e le sue forti influenze dalla natura

La maggior parte delle cattedrali e degli edifici ecclesiastici è dominata da linee rette. Tuttavia, Gaudí riteneva che gli edifici dovessero adattarsi meglio alla natura. Quando progettò la statica della Sagrada Familia, sperimentò una nuova variante prendendo come esempio la chiesa più piccola della Colónia Güell. Progettò la struttura portante con delle corde e le appese a testa in giù per vedere le linee e gli archi naturali. Pur utilizzando metodi grafici per la statica della Sagrada Familia, mantenne le “linee naturali”.

La guglia della Sagrada Familia sarà quasi il punto più alto di Barcellona

La Sagrada Familia dall'alto

©Tiqets

Quando la Sagrada Familia sarà completata, sarà l’edificio religioso più alto d’Europa. La torre centrale raggiungerà i 170 metri. Tuttavia, Gaudí non voleva che un’opera dell’uomo fosse più alta dell’opera di Dio. Per questo motivo il punto più alto della Sagrada Familia è ancora un metro più basso del Montjuïc, la montagna di Barcellona che è il punto più alto della città.

Ci sono ascensori

Tuttavia, questi non erano certamente inclusi nel progetto originale. In ogni caso, è insolito che un edificio ecclesiastico di questo tipo abbia degli ascensori. Se si osserva quanto sono strette le torri, ci si chiede come sia possibile.

Un simbolismo complesso

I simboli si trovano in ogni dettaglio della Sagrada Familia. Sebbene i simboli religiosi siano naturalmente predominanti, ce ne sono altri che vanno assolutamente osservati:

Le colonne interne sono modellate su alberi veri. Ciò è particolarmente evidente quando si guarda verso l’alto: le colonne cambiano forma, proprio come gli alberi. I pilastri sono sostenuti da tartarughe, che simboleggiano il mare e la terra.

Potete sostenere questo edificio unico con la vostra visita

I circa 3 milioni di visitatori che ogni anno visitano la Sagrada Familia contribuiscono in gran parte ai costi di costruzione, che ammontano a circa 25 milioni all’anno. Visitare la basilica vale comunque la pena, ma potete anche dire di aver contribuito a uno degli edifici più affascinanti.

Lascia un commento